Migranti – Rivolta e repressione a Ponte Galeria e Lampedusa

PONTE GALERIA – NOTTE DI AMMUTINAMENTO

È da poco passata la mezzanotte al centro di identificazione e espulsione (Cie) di Roma. Tre detenuti tentano la fuga. La polizia li trova. E li massacra di botte agli ordini di una ispettrice che ha deciso di fare la dura. Qualcuno però assiste alla scena. E indignato, sparge la voce tra i reclusi dell’area maschile. Scoppia la rivolta. I detenuti rifiutano di rientrare nelle camerate, la polizia in tenuta antisommossa fuori dalla gabbia minaccia di sfondare. Dentro si armano di pietre per difendersi e danno alle fiamme alcuni materassi. Intanto noi, da fuori, grazie a fonti fidate all’interno del Cie, seguiamo per tutta la notte gli sviluppi della rivolta.

prosegui con la cronaca su:
http://fortresseurope.blogspot.com/2011/07/pestaggio-in-corso-ponte-galeria.html#more


LAMPEDUSA – PESTATI MINORENNI TUNISINI

Notte di proteste anche al centro di accoglienza di Lampedusa, a Contrada Imbriacola, dove sono detenuti da settimane, senza nessuna convalida giudiziaria, senza colpe e senza reati, 206 prigionieri, tra i quali 34 minori non accompagnati. La rivolta è esplosa proprio tra i minorenni. Un gruppo di una decina di adolescenti tunisini sono saliti sui tetti per protesta. Si tratta degli stessi adolescenti che erano stati picchiati dalle forze dell’ordine due giorni fa. Quel giorno, i ragazzi si erano allontanati dal centro di accoglienza per fare un giro a Lampedusa e non appena rintracciati dalla polizia sono stati caricati malamente su una camionetta, all’interno della quale è avvenuto il primo pestaggio. Il secondo giro di botte invece gliele hanno date nei bagni del centro di accoglienza. Prima però li hanno fatti spogliare nudi per una perquisizione. E quindi li hanno picchiati. Uno di loro ha un labbro rotto, un altro ha una caviglia gonfia e un po’ tutti sono ricoperti di lividi. L’associazione Save The Children, che a Lampedusa lavora con il ministero dell’Interno per il progetto Presidium proprio per la tutela dei minori, ha chiesto di fare visitare i ragazzi dal poliambulatorio dell’isola. Ma il medico dell’ente gestore Lampedusa Accoglienza, ha ritenuto che non fosse necessario. Quanto al direttore del centro d’accoglienza Cono Galipò, c’è da immaginarsi che in quel momento fosse impegnato in altre faccende, visto che nel frattempo risulta indagato per truffa aggravata continuata. Ad ogni modo, al contrario di tanti operatori presenti nel centro d’accoglienza, ieri sera i ragazzi hanno preferito rompere il silenzio e protestare. Perchè non serve una laurea in pedagogia per capire che degli adolescenti non possono essere denudati e picchiati dalle forze dell’ordine.

continua su:
http://fortresseurope.blogspot.com/2011/07/rivolta-anche-lampedusa-pestati-dei.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...