La rivincita degli Apache

apacheCinquanta persone che assaltano una caserma dei carabinieri per salvarne altre cinque dal trasferimento in carcere.
Non è successo qui ma a Taranto. Ed è una succosa notizia che riporta la Repubblica on line. I cinque erano stati fermati per il furto di un carico di rame e acciaio da un vecchio ipermercato.

“Dopo l’arresto in flagranza di reato erano stati condotti nella piccola caserma per le formalità di rito. Poco dopo le 19, i militari si apprestavano ad accompagnarli in carcere. Ma quando quegli uomini hanno fatto capolino sull’uscio di quel fortino è scoppiato il putiferio. I cinque in manette hanno cominciato ad inveire e ad urlare, chiamando la rivolta. E la tribù ha risposto come un solo uomo. Come un’orda di pellerossa sul sentiero di guerra i cinquanta parenti dei fermati si sono scagliati contro il cancello. Si è temuto il peggio. I militari sono subito rientrati nella casermetta, tenendo a stento gli uomini in manette che gridavano: Forza andate a chiamare gli altri.”

Un vero e proprio assedio perpetrato da donne, uomini e ragazzini che hanno messo in seria difficoltà i pochi carabinieri di turno e lo stuolo di forze dell’ordine accorsi in sostegno dei loro colleghi barricati come nelle migliori scene da film western.
Peccato che alla fine gli assedianti siano stati dispersi, che i cinque fermati siano stati incarcerati e che la “giustizia” abbia trionfato.
La caccia agli assedianti pare essere già partita, ma chissà se i prodi eroi in divisa riusciranno a sconfiggere un simile clima di complicità e solidarietà.
I film western non mi sono mai piaciuti, perché io tifavo sempre per i pellerossa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...