Contro tutte le frontiere

Contro tutte le frontiere! Libertà per i compas rinchiusi nel Centro di Detenzione Amministativa di Nizza! Liber* tutt*!

Ieri mattina la polizia francese ha sgomberato la vecchia dogana del valico di Fanghetto (Alpi marittime, confine italo-francese sulla statale Cuneo-Col di Tenda-Ventimiglia).

L’edificio era stato occupato sabato scorso durante una giornata di mobilitazione contro le frontiere, in solidarietà ai migranti e contro le infrastrutture nocive che aggrediscono la Valle Roja (in primis il raddoppio del tunnel di Tenda), dove appunto è situata la linea di confine internazionale. Da sabato scorso, dove un tempo le divise controllavano il passaggio di una delle tante frontiere imposte per dividere le popolazioni ed ostacolarne gli spostamenti, l’edificio occupato garantiva accoglienza, libera circolazione e mobilitazione costante contro la frontiera e contro i progetti che vogliono stravolgere in maniera irrimediabile il territorio e la vita della valle. Durante lo sgombero le divise hanno sequestrato nei container adibiti a ufficio d’identificazione gli attivisti che si trovavano sul posto: quelli con carta d’identità francese sono stati rilasciati ieri in mattinata, e dei cinque compas con carta d’identità italiana, quattro sono stati trasferiti al Centro di Detenzione Amministrativa (l’equivalente francese del Cie) di Nizza, mentre una compagna è stata immediatamente espulsa. Una dimostrazione inedita quanto inconfutabile dell’evidenza che la criminalizzazione dei migranti e i campi di concentramento delle democrazie occidentali non possono riguardare solo chi sfugge dalle miserie degli altri continenti, ma sono uno strumento del Potere da contrastare e combattere con ogni mezzo.
Siamo sicuri che i compas “indigeni” ora nel Cie francese sapranno dimostrare bene alle autorità che li tengono reclusi quanto può essere forte e determinata la solidarietà tra sfruttati e ribelli, da qualunque parte del mondo provengano, in qualunque territorio si vengano ad incontrare.
Tra i compas ora reclusi a Nizza ci sono anche Andre e Arturo, compagni nostri di vita, strada e lotte a cui va l’abbraccio di quelle montagne ribelli in cui vivono ed agiscono, ed in cui solo divise e sfruttamento devono sentirsi stranieri.
Rilanciamo l’impegno ad opporsi al disastro sociale e ambientale che lo Stato e il Capitale ci vogliono imporre, diffondiamo iniziative sul territorio perché quest’ennesima trovata della repressione si infranga contro un muro di solidarietà!

Le uniche catene che amiamo sono quelle montuose!
Contro ogni forma di repressione, solidarietà internazionale!
Rafael, Vincenzo, Andre, Arturo liberi subito! Tutt* Liber*!

Alpi Libere
Cassa AntiRepressione delle Alpi occidentali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...