Baunei – Quando la legge è provocazione la resistenza è giusta

I giornali di oggi riportano la notizia di un anziano allevatore di Baunei che ieri quando si è trovato di fronte i militari della forestale, che armati di fucile volevano abbattere i suoi maiali, non si è arreso ha impugnato anch’egli il suo fucile e ha sparato dei colpi in aria, dopodiché ha fatto perdere le sue tracce nei boschi del supramonte.

Sembra una storia del secolo scorso, ma non è così. Le provocazioni di leggi assurde difese con le armi dagli uomini in divisa dello Stato sono più attuali che mai.

A parte l’ovvia empatia con quest’uomo per la sua determinata ed efficace resistenza (i forestali si sono ben guardati dal procedere con gli abbattimenti) ci sembra molto importante rilevare come sia continua e capillare l’omologazione violenta che lo Stato italiano vuole imporre sui territori. Ieri era l’allevamento brado ma se ci guardiamo intorno è pieno di casi similari a questo, basti pensare all’accanimento con i venditori definiti abusivi, italiani o stranieri che sia, o con i parcheggiatori.

Ci schieriamo ovviamente dalla parte di chi si auto-organizza per fare ciò che gli serve, di chi sa scegliere nel rispetto degli altri cosa sia giusto fare anche se non fa rima con legale, di chi messo alle strette non cede e sceglie di resistere.

Qui la notizia sull’Unione: https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/ogliastra/2019/11/22/baunei-allevatore-spara-in-aria-durante-l-abbattimento-dei-suini-136-955793.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...