Archivi categoria: Cronaca

Mercoledì 10 febbraio. BLOCCHIAMO TUTTO!

E’ andata proprio così, dall’alba al tramonto, e anche oltre, visto che al bivio di Lula (Sologo) la 131 dcn è stata bloccata fino a notte inoltrata.

La giornata di lotta è iniziata di nuovo in qualche strada sarda, con la notizia di alcune autocisterne fermate da un gruppo di “incappucciati” e migliaia di litri sversati nelle strade per continuare immobilizzare tutta l’industria casearia sarda. Continua a leggere

Annunci

Detto Fatto

Si è parlato nel blog del corteo degli studenti a Cagliari del 13 febbraio, in solidarietà con la lotta dei pastori.

L’articolo si chiudeva con la speranza che questa bella giornata non rimanesse un caso isolato. Nemmeno il tempo di dirlo, ed ecco che per il giorno successivo viene subito indetto un altro appuntamento, di nuovo al Siotto alle 8:10. Continua a leggere

STUDENTI IN PIAZZA – UNA CRONACA

Ragazzi, domani non si entra scuola per solidarietà con i pastori”.

Girava questo messaggio ieri sera a Cagliari, nei telefoni dei più giovani. Dopo intere giornate di blocchi stradali, picchetti ai caseifici e sversamenti di latte, la rivolta dei pastori arriva anche nel capoluogo, spinta – inaspettatamente – dagli studenti delle scuole superiori, nel giorno in cui si riunisce il tavolo regionale per il prezzo del latte. Continua a leggere

STUDENTI IN CORTEO IN SOLIDARIETA’ AI PASTORI

Il 13 Febbraio gli studenti delle scuole superiori cagliaritane hanno dato vita ad un corteo selvaggio per le strade di Cagliari per dare solidarietà ai pastori sardi in lotta.

Migliaia di studenti hanno attraversato la città partendo dal liceo Siotto e dirigendosi verso il palazzo della regione di via Roma e poi facendo il giro da via Sonnino ,via Garibaldi e via Manno sono arrivati in viale Trento , altra sede del consiglio regionale. Continua a leggere

Altra giornata di lotta dei pastori

Oggi è stata un’altra grande giornata di lotta dei pastori sardi, tutto è partito alle 7 mattino quando all’interno del centro abitato di Burcei una quindicina di incappucciati ha fermato un camion cisterna del latte e ne ha svuotato per terra tutto il contenuto. L’autista ha pensato di rivolgersi ai carabinieri che invano hanno provato a cercare i responsabili che però nel frattempo erano già svaniti. Continua a leggere

Immagine

15 Febbraio – Benefit in vista del Corteo contro il fascio-leghismo.

manifesto

Immagine

CORTEO CONTRO IL FASCIO-LEGHISMO – 23 FEBBRAIO H17 DA PIAZZA COSTITUZIONE, CAGLIARI

corteo 23

Sulla lotta dei pastori

“…Buttarlo per terra o darlo agli industriali

è la stessa cosa, sono anni che buttiamo il nostro latte…”

Pastore barbaricino, ieri dal suo ovile.

“…Basta lavorare per i padroni,

dobbiamo tornare a lavorare per noi stessi…”

Pastora sulcitana, mentre blocca una strada.

Quando le vetrate del caseificio dei Pinna si sono infrante sotto i colpi dei bidoni del latte, i pastori sardi hanno anche metaforicamente rotto gli ultimi indugi e tolto gli ultimi dubbi sul fatto che quella iniziata da pochi giorni non sia una protesta simbolica.

Troppo l’amaro masticato in questi anni, incastrati dai giochi delle politiche europee sull’allevamento, presi in giro dai politici di ogni fazione e illusi di poter contrattare da pari con ministeri e assessorati, i pastori si sono ritrovati a vendere il latte a delle cifre insostenibili per le loro economie aziendali. Continua a leggere

STASERA CENA IN SOLIDARIETA’ ALL’ASILO OCCUPATO ED AGLI ARRESTATI DI TORINO

 

Stasera 7/2/2019 dalle ore 19 e 30 al magistero (in via is mirrionis 1) “serata in solidarietà ai compagni di Torino”

ALLE 19 E 30 AGGIORNAMENTO SULLA GIORNATA E GLI ASPETTI REPRESSIVI

A SEGUIRE CENA E BIRRETTE tutto il ricavato sarà per sostenere i compagni arrestati stamattina.

Stamattina alle 5, è scattato lo sgombero dell’asilo occupato di via Alessandria a Torino (nella foto la resistenza allo sgombero ancora in corso).

s_4738944d74
Contemporaneamente venivano arrestati alcuni compagni con l’accusa di associazione sovversiva con finalità di terrorismo.
L’Asilo, occupato dal 1995, è da sempre al centro delle lotte portate avanti dai compagni a Torino e in Piemonte, il suo sgombero rappresenta un duro colpo reso possibile solo da una lunghissima serie di operazioni repressive ordinate dalla procura torinese che negli anni non ha lesinato su indagini e misure cautelari.

Gli arresti di oggi sono legati alle lotte contro i CIE portate avanti dai compagni e dalle compagne con ferma determinazione, vengono accusati di aver organizzato più di venti sabotaggi contro le ditte implicate nel funzionamento dei lager per migranti e nella macchina delle espulsioni.

Non ci interessa sapere se queste accuse siano fondate o meno, siamo solidali con loro e con le azioni di cui sono accusati.

Questo governo giallo-verde non sta facendo altro che accelerare i progetti repressivi coltivati negli ultimi vent’anni, sgomberi, arresti, retate, rimpatri, cariche, e militarizzazione sono la vera faccia di quello che doveva essere un governo del cambiamento.

A noi non resta che lottare, ognuno con le sue pratiche, cercando di sferrare i colpi più duri che possiamo a questo STATO di cose.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI STASERA AL MAGISTERO PER DARE, ALMENO NEI TERMINI DELLA SOLIDARIETA’, UNA RISPOSTA IMMEDIATA E DECISA CONTRO QUESTA GRAVISSIMA OPERAZIONE REPRESSIVA.

TUTTI LIBERE

L’ASILO RESISTE

PARTECIPA E FAI GIRARE

asilo

Ecco che trattamento è stato riservato stamattina a uno dei presidi in solidarietà a chi resisteva sul tetto dell’Asilo.

Sgombero all’Asilo occupato

Da stamattina prima dell’alba L’Asilo occupato di Torino di via Alessandria 12 è sotto sgombero, decine di cellulari della celere chiudono tutte le vie intorno.

Cinque compagni sono riusciti a salire sul tetto e resistono, insieme allo sgombero la procura di Torino sta notificando anche un 270bis per le lotte contro i CIE e i CPR, per adesso ci sono stati tre arresti (non si sa se eseguiti all’asilo o in altre abitazioni) e non si sa quanti altri mandati di cattura debbano essere portati a termine.

Perquisita anche l’occupazione di Corso Giulio Cesare e fermati gli occupanti trovati all’interno.

Caricato il presidio di solidarietà, fermati vari solidali.

Le notizie sono raccolte principalmente da radioblackout, connettetevi allo streaming per altri aggiornamenti.

Ecco il  tweet della sindaca Chiara Appendino: “In queste ore le forze dell’ordine stanno portando a termine un’operazione di pubblica sicurezza nei locali dell’Asilo occupato. Intervento più volte richiesto nel corso degli anni e lungamente atteso dalla Città e dai residenti di Aurora, un quartiere che chiede semplicemente un po’ di normalità. Ringrazio la questura e gli agenti”. Non merita commenti…ma lunga memoria, specialmente per quelli che credono ancora che i pentastellati siano molto diversi dai loro amici della Lega.

 

Per chi è interessato appuntamento alle 11 al magistero