Archivi del mese: aprile 2017

USIAMO LA TESTA

Al carcere di Bad’e Carros a Nuoro un detenuto in regime di sorveglianza speciale sferra una testata ad un secondino mandandolo al tappeto prima ed all’ospedale poi.

Un altro episodio che scatena le reazioni dei servi dei sindacati di categoria della polizia penitenziaria che annunciano scioperi.

Per noi un episodio sintomatico di chi stanco dei soprusi e delle torture di Stato, alza la testa e in questo caso la usa in maniera adeguata.

Fuoco alle galere.

 

download

Annunci

OTTO PER MILLE

Qualche notte fa qualcun* è entrato a casa del vescovo Pillolla ed ha rubato oggetti e contanti per un valore di duemila euro.  Doni del suo mandato vescovile dice il prelato.

Che stiano restituendo l’otto per mille?

 

otto_per_mille

 

Domani corteo a Quirra, concentramento ore 11.

Sono previste piogge per questa notte e bel tempo per domani.

I pullman da Cagliari partono alle 8 e 30 da piazza dei Centomila (fronte Basilica di Bonaria).

Ricordiamo a tutte e tutti di mettersi scarpe comode e di portarsi acqua e panino.

Ulteriore consiglio per non incappare nei posti di blocco delle forze dell’ordine è quello di partire tutti insieme, macchine e ogni altro tipo di mezzo, ai pullman, creando un biscione di mezzi diretti al concentramento in modo che nessuno resti isolato.

Tagliate le reti del poligono di Teulada

Riprendiamo dal sito della Rete no basi né qui né altrove la notizia di un nuovo attacco alle strutture militari sarde.

Questa volta si tratta del poligono di Teulada, una mail anonima comunica il taglio di diverse decine di metri avvenuto nel mese in corso.

Questa la mail anonima inviata al blog nobasi.noblogs.org :“primavera 2017. in una notte di stelle cadenti diverse decine di metri di rete del poligono di teulada sono state tagliate. sabotiamo le basi.”

Non è la prima volta che apprendiamo notizie di questo tipo, questo sabotaggio segue quello di Dicembre (https://nobordersard.wordpress.com/2016/12/16/capo-frasca-tagliate-le-reti/) dove furono tagliate le reti del poligono di Capo Frasca. La diffusione degli attacchi e delle modalità secondo cui questi vengono condotti (sempre a dicembre ci fu un altro blitz fatto a Teulada e Domusnovas, ma non dimentichiamo anche le interruzioni dei seminari a Cagliari e Sassari) non può che rallegrarci ed essere di buon auspicio per il corteo del 28.

TANTI MODI UN’UNICA LOTTA

NESSUNA PACE PER CHI VIVE DI GUERRA

Oggi corteo del 25 Aprile, nel frattempo si scalda l’ambiente in città

Oggi alle 15 e 30 è previsto il corteo del Coordinamento antifascista Cagliaritano, il concentramento è in Viale Buoncammino di fronte all’ex carcere. Il corteo a un mese esatto da quello di Sassari si pone gli stessi obiettivi. La chiusura di tutte le sedi fasciste, l’impedimento di apertura di nuove e lo smascheramento di tutti gli appoggi istituzionali e semi-istituzionali di cui i gruppi fascisti godono, senza dimenticare che poco più di un mese fa c’è stata l’aggressione alla sede di S’Idea Libera , a Sassari, da parte di militanti di Casapound.

Si arriva al corteo di oggi con le forze di polizia un pò agitatine, sono bastate delle scritte per smuovere dalla fondamenta tutta via Amat. La settimana scorsa all’Euclide (un liceo di Cagliari) si sarebbe dovuto tenere un incontro sui pericoli delle nuove mafie, i cui relatori erano niente di meno che il questore Gagliardi, il vice Rossi e il noto camerata provveditore agli studi di Cagliari Cancelliere. Sono bastate appunto un paio di scritte fatte sui muri della scuola contro questi illustri signori, e la loro indecente presenza nelle scuola, a suscitare un vespaio di indignazione e solidarietà. I “più caldi” sono stati i sindacati di polizia che sono addirittura usciti con un  “noi non ci lasceremo intimidire” oltre che un corollario di “vigliacchi” “dementi” e via dicendo. Lo stesso giorno pare che siano apparse delle scritte anche sulla serranda della sede di “Noi con Salvini”, anche qui minacce al vento, addirittura un tweet dallo stesso Salvini…

salvini-372x221foto_587509_550x340

L’ora della fuga

Un mese fa un detenuto del carcere di Bancali vicino Sassari è riuscito a far perdere le sue tracce durante un permesso premio. Sarebbe andato via in auto dopo aver passato un controllo ad un posto di blocco e, partito per Civitavecchia sarebbe ora in Olanda. Ovunque sia speriamo che la sua fuga continui e che possa assaporare tutta la libertà che lo Stato nega.

Fuoco alle galere

Valentin-Fuga11-622x415

Forate ruote alle auto della penitenziaria

L’unione Sarda riporta la notizia che la notte tra Pasquetta e martedì qualche nemico della penitenziaria abbia forato le gomme di alcune auto parcheggiate nei pressi di via Peretti.

Non possiamo che rallegrarcene ricordando le torture di Stato nelle carceri e le condizioni dei detenuti.

Fuoco alle galere.

images

!!!!!SPOSTATA L’ASSEMBLEA PER MAL TEMPO!!! SEMPRE ALLE 20.00 MA A SA DOMU!!!fate girare!!! ASSEMBLEA PUBBLICA del Coordinamento antifascista cagliaritano

Il Coordinamento antifascista cagliaritano organizza:

CORTEO ANTIFASCISTA

MARTEDì 25 APRILE ORE 15.30 

concentramento VIALE BUONCAMMINO fronte ex-carcere

– in risposta alle aggressioni fasciste

– per la chiusura di tutte le sedi fasciste

– contro la diffusione di iniziative di stampo più o meno dichiaratamente fascista

– per impedire l’apertura di nuovi covi fascisti

– per arginare la diffusione di idee razziste e xenofobe all’interno della società

– contro l’appoggio che amministrazioni, università e scuole danno ai fascisti

Negli ultimi tempi il clima dentro le nostre città è sempre più pesante, la propaganda razzista spinta dai giornali, il populismo di molti partiti politici, le campagne contro il degrado o per la sicurezza e il controllo, la sempre più capillare presenza di sbirri e militari creano un clima di paura e intolleranza verso il diverso e lo straniero. Tutto questo aiuta i gruppi fascisti a rinfoltire le loro fila, e diffondere le loro idee.

Le amministrazioni voltano lo sguardo, o arrivano addirittura ad appoggiare questi gruppi, che si sentono così di poter osare sempre di più.

A fine marzo, a Sassari, i camerati di Casapound hanno attaccato – con caschi e mazze – la sede di S’idea Libera, ferendo le persone che erano all’interno e che giustamente hanno provato a difendersi.

La propaganda che i gruppi come Casapound portano avanti anche a Cagliari è pericolosa e portatrice di razzismo, omofobia, disgregazione sociale e guerra fra poveri.

Non possiamo permettere che questo avvenga.

Per questo il 25 aprile scenderemo in piazza, 

perchè non lasceremo nessuno spazio ai fascisti.

Per parlare del corteo, e di come organizzare una più efficace contrapposizione all’insinuarsi dei gruppi fascisti siete tutte e tutti invitati:

GIOVEDì 20 ALLE 20.00 IN PIAZZA SAN DOMENICO (quella con la palma alla fine di via san giacomo) A UN’ASSEMBlEA PUBBLICA DEL COORDINAMENTO ANTIFASCISTA CAGLIARITANO

Gagliardi ci lascia…

Cambia il questore a Cagliari: Vito Gagliardi va a Venezia, nel capoluogo sardo arriva, da Lecce, Pierluigi D’Angelo, vecchia conoscenza delle questure sarde. D’Angelo ha ricoperto per anni il ruolo di vicario prima e questore poi a Nuoro, fino al 2015 dopo essere stato dirigente alla questura di Oristano e capo di gabinetto alla questura di Cagliari per 14 anni.

Valigie pronte anche per il capo della Mobile cagliaritana, Alfredo Fabbrocini, che parte per il Servizio centrale operativo di Roma; al suo posto arriva Marco Basile, attualmente a Roma e in passato vice della Mobile di Napoli.

Abbandona Cagliari il questore, fra le tante cose, dei Fogli di via, dei 54 DASPO e delle recenti minacce agli antimilitaristi. Non c’è da essere felici solo perché morto un papa se ne fa un altro, si può solo notare come negli ultimi anni i cambi ai vertici del mondo degli sbirri siano molto più frequenti che in passato

 

image

il nuovo questore

Per poco…

Stamattina un elicottero HH101 dell’Aeronautica militare di Cervia è rimasto coinvolto in un incidente a Orroli.

Il velivolo mentre rientrava verso Decimomannu seguendo una rotta pianificata ha c tranciato con l’elica alcuni cavi elettrici.

Purtroppo lievi i danni riportati dal mezzo e illesi sia il pilota, sia il passeggero che si trovava a bordo.

 

Ci dispiace chiaramente per l’area di Orroli che è rimasta senza corrente per alcune ore, speriamo che la prossima volta i cavi siano più resistenti…