Archivi del mese: aprile 2015

Immagine

starex

Annunci

25 Aprile, cronaca di una lunga giornata

Cagliari, sabato 25 Aprile, ore 9 e 30, Piazza San Michele. Al concentramento del corteo indetto dal Coordinamento Antifascista Casteddu iniziano ad arrivare le persone, in contemporanea in centro città c’è la rappresentazione teatrale del corteo istituzionale, dove qualche esponente dei partiti di sinistra cerca di ridarsi un tocco di antifascismo…e dove come al solito sventola la bandiera biancoazzurra di Israele.

Per la prima volta, da molto tempo, quest’anno Cagliari ha vissuto due cortei del 25 Aprile, uno istituzionale e uno autorganizzato, indipendente che ha scelto di partire da un quartiere popolare e di comunicare con esso non con la banda musicale, ma con volantini, speakeraggi e attacchinaggi, cercando l’interazione con quei segmenti di popolazione urbana più difficili da coinvolgere, dove spesso si annida quell’indifferenza sulle tematiche sociali, etiche e politiche che favorisce il dilagare dei luoghi comuni razzisti sui quali i fascisti continuano a lavorare da almeno cento anni.

Più di centocinquanta persone verso le dieci e mezzo sono partite lungo Via Is Mirrionis, sicuramente molte meno di quelle che sfilavano sonnacchiose in Via Sonnino, ma onestamente chissenefrega. Fumogeni, cori, risate e attacchinaggi hanno accompagnato il corteo fino al cuore della città, in Piazza Carlo Alberto, dove sotto un caldo sole primaverile si è concluso il corteo che nel frattempo aveva aumentato le fila con l’arrivo di dormiglioni e ritardatari…

Nel frattempo giunge la notizia ufficiale che alle 18.00 a Quartu si svolgerà la solita commemorzione fascista dei caduti della Repubblica Sociale Italiana, immediatamente si discute la notizia e ci si da appuntamento a Quartu per andare a disturbare i fascisti.

nnn

A Quartu si ritrovano nel tardo pomeriggio diverse decine di persone, il centro della città è completamente militarizzato, camionette della Finanza, dei Carabineiri e della Polizia bloccano le vie di accesso a piazza Sant’Elena dove sono “rinchiusi” i nostalgici, in tutto più di cento uomini delle forze dell’ordine presidiano la zona, sono presenti tutte le alte cariche di DIGOS e polizie varie.

Il corteo antifascista si sposta tutt’intorno alla piazza, trovando davanti a se sempre cordoni di celere già schierati, nel frattempo in piazza davanti a cinquantina braccia tese suona l’inno italiano. In una stradina laterale il corteo tenta un avvicinamento, volano uova di vernice, la polizia carica ritrovandosi però tra le gambe e stesse transenne che aveva disposto per chiudere la strada. Il corteo procede ancora, seguito dalla celere, i fascisti nel frattempo sono stati scortati fuori città dagli sbirri. Vengono lanciate uova su una banca e su una sede elettorale di Podeus. Poco dopo il corteo si scioglie.

Mentre due compagni stanno tornando alla macchina la DIGOS li ferma, ne ammanetta uno e lo carica in macchina, scatta l’allarme, ci si ritrova e si va ad aspettare che il compagno venga rilasciato. Alle 21 circa esce dalla caserma di via Firenze con due denuce. La giornata finisce così. ALLA PROSSIMA

Un cronista improvvisato

nnnkk

CORTEO POPOLARE ANTIFASCISTA

11146439_384560288405861_6475074449307311454_o

Racconto del corteo del 15

Mercoledì 15, ci siamo ritrovati nel primo pomeriggio all’appuntamento, a pochi metri dalle reti del poligono di Teulada, in una cinquantina di persone.

Con un piccolo corteo abbiamo raggiunto il primo dei cancelli della parte ovest del poligono, ad aspettarci c’era la DIGOS, celere, militari, jeep e perfino motociclette..

Arrivati davanti al cancello si è formato un presidio di alcuni dei manifestanti mentre altri hanno iniziato a sparpagliarsi lungo la recinzione, ben seguiti da DIGOS e Carabinieri all’esterno e dai militari all’interno, lungo il perimetro stazionavano a ogni chilometro mezzi della celere o della DIGOS, a complicare il tutto c’erano anche un notevole numero di api incazzate nere dal disturbo causato alla loro impollinazione. Visto il gran dispiego di forze messo in campo dalla questura di Cagliari il pomeriggio è proseguito senza grandi sussulti, all’interno del poligono la Brigata Aosta si esercitava in manovre di mezzi alzando un gran polverone visibile a chilomentri di distanza. I tentativi per sviare i pedinamenti degli sbirri sono andati tutti, o quasi, a vuoto.

A differenza del 5 Dicembre, quando il superamento delle reti da parte di alcuni militanti causò il blocco delle esercitazioni, l’altro giorno ci siamo ritrovati contro un’organizzazone molto più efficace da parte degli sbirri che nonostante ciò, a detta di alcune lepri solidali con la lotta, non sono riusciti del tutto a impedire alcuni tagli alle reti.

La giornata è proseguita fin verso le sei quando i manifestanti cotti dal sole, impanati dalla polvere e stufi di essere circondati dagli sbirri hanno deciso di andarsene. Sicuramente la giornata del 15 non si può considerare come un passaggio esaltante della recente lotta antimilitarista, però è chiaro che la pratica che abbiamo provato a mettere in campo è quella giusta, altrimenti non credo che la questura avrebbe mobilitato tutta quella sbirranza, d’altronde abbiamo ripetuto più volte quanto siano importanti strategicamente i poligoni sardi nei disgni di guerra italiani e non solo, quindi non c’è da stupirsi che le contromisure aumentino, sta a noi capire come renderle inefficaci.

Un’ultima, ma non per questo poco importante, cosa da raccontare è la presenza per la seconda volta su due in questo punto del poligono, di pastori e pescatori locali, che hanno aggredito a parole e non solo, alcuni manifestanti. Questi idioti venduti allo stato e che vivono di elemosina, sono stati imbeccati dagli sbirri e si sono presentati in cricca a metà del pomeriggio a minacciare ritorsioni a chi si oppone al poligono, il tutto chiaramente protetti dalla DIGOS. Purtroppo non si finisce mai di scoprire la demenza umana dove può arrivare, questi sono quelli che si spacciano per pescatori (nel senso che si sono comprati una barca solo per poter fare richiesta), e così godono degli indenizzi statali per tutti i giorni dell’anno in cui non possono pescare perchè la parte del poligono a mare è attiva e quindi chiusa alla pesca. Oppure sono i pastori che hanno terreni e ovili attaccati alla base e mandano le loro greggi a pascolare dentro il poligono (una delle zone più inquinate d’Italia) tutto l’anno anche durante le esercitazioni, proprio come mercoledì scorso. Il ricatto che i militari fanno a queste componenti di popolazione è enorme, ma questo non li rende meno colpevoli e complici del disastro etico e ambientale che si svolge per nove mesi all’anno a Teulada.

SEMPRE PIU’ DETERMINATI, NO BASI NE’ QUI NE’ ALTROVE.

Uno dei presenti

 

ASSALTO AL SOGNO

Serata di autofinanziamento per la 3 giorni libertaria

ASSALTO AL SOGNO”

MERCOLEDI’ 22 APRILE dalle 19.00

BARACCA ROSSA via Principe amedeo 33 Casteddu

benefit 3 giorni libertaria ASSALTO AL SOGNO

Letture, musiche e video dedicati al pensiero e alla pratica antipsichiatriche

Dalle 19.00 in poi

“Senza ragione” docuvideo dedicato a pensiero e pratiche antipsichiatriche

letture a tema di Nello Frogheri accompagnato al contrabbasso da Angelo Sesselego e, chissà, da altr*

buffet cruelty free
birra e vino a prezzi popolari

Qui sotto una piccola anteprima della 3 giorni, per stimolarvi “l’appetito” e indurvi subdolamente a venire per darci una mano a realizzarla!!

ASSALTO AL SOGNO
3 giorni libertari a Maggio

venerdì 8 maggio Proiezione-presentazione del progetto videodocumentario “Il segno del capro” di Fabiana Antonioli sugli anarchici in italia

sabato 9 maggio “Fare a meno della psichiatria”
incontro/dibattito con Giuseppe Bucalo
Azione/riflessione teatrale di Sabatino Capatano

domenica 10 Maggio
Seminario di teoria e pratica antipsichiatrica con Giuseppe Bucalo

rinfreschi vegani qua e là (graditi gli aiuti anche qui!)

a breve info su orari e luoghi

collettivo Matti da slegare

circo Alda Merini

osservatorio antipsichiatrico “L’orecchio di Van Gogh”

Organizziamoci per il corteo di mercoledì

PuntoConcentramentoSant'Anna ArresiCartina del punto di concentramento presso Sant’Anna Arresi.

Per chi parte da Cagliari l’appuntamento è alle 13 e 20 – 30, in Piazza Trento per organizzare le macchine e trovare posto a chi è a piedi.

DIFFONDI E ARRIVA PUNTUALE!!

Immagine

allerta

Questo week end i fascioleghisti cagliaritani hanno fatto di nuovo la loro comparsa dalle fogne, anche questa volta puntuale è stata la risposta degli antifascisti casteddai.

Quattro contropresidi ad altrettanti banchetti, sono stati organizzati dal Coordinamento Antifascista cagliaritano per continuare a non lasciare spazio a queti schifosi fascisti, che si sono così ritrovati nelle piazze di Cagliari e hinterland circondati da celere e DIGOS  e contestati dagli antifascisti.

NON DOBBIAMO FERMARCI!

NESSUNO SPAZIO AI FASCISTI, NE’ OGGI NE’ MAI.

STIAMO ALLERTA

Immagine

presentazione sa tiria

La nave gialla è tornata

La Maior, una delle due navi gialle adibite al trasporto di mezzi militari, quella che era in porto il giorno dell’iniziativa “Immobilizziamoli”, si è fatta un viaggetto a Salerno, questa volta, ed è tornata a Sant’Antioco stamattina verso le 10. E’ stata vista e segnalata e ha sbarcato lo stesso tipo di mezzi che erano arrivati sabato scorso per la Brigata Aosta che ha iniziato le esercitazioni il 1 aprile. Probabilmente i mezzi erano troppi e non è bastato un viaggio per trasportarli tutti.
Sembra escluso che si tratti già della Brigata Garibaldi che subentrerà all’Aosta nel poligono di Teulada, perché non ci sono i mezzi pesanti, carri armati e altre amenità, che saranno usati a Maggio.
SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI
Immagine

merc 15